LA BIORIVITALIZZAZIONE DEL VISO

La Biorivitalizzazione è un trattamento medico utile per ridare tonicità e spessore alla cute del viso, per ridurre le piccole rughe e la disidratazione della pelle ed è in particolare utilizzata per prevenire e curare l'invecchiamento cutaneo. Con la biorivitalizzazione è possibile riattivare il metabolismo e soprattutto la produzione di collagene per ridare alla pelle il turgore, l'idratazione, l'elasticità e la luminosità che inevitabilmente si perdono con il passare del tempo. Si effettua mediante una serie di microiniezioni in diverse zone del viso, collo e decolletè. Sono necessarie più sedute. Nei trattamenti di biorivitalizzazione si utilizzano sostanze naturali quali l'acido jaluronico, vitamine, minerali, aminoacidi, coenzimi etc., che non provocano effetti tossici o reazioni allergiche.

 

BIORIVITALIZZAZIONE
CON FATTORI DI CRESCITA PIASTRINICI

L' impiego dei fattori di crescita delle piastrine nella rigenerazione dei tessuti avviene già da anni in altri settori della medicina. Ora questa tecnica viene applicata con ottimi risultati anche nella medicina estetica per ringiovanire viso, collo, decolletè, mani, rendendo la cute più tonica e luminosa, con una marcata riduzione delle rughe più fini. Si tratta di una biostimolazione o rivitalizzazione cutanea effettuata con il plasma ricco in piastrine (PRP) e fattori di crescita (FC) autogeni, cioè prelevati dal paziente stesso. I Fattori di Crescita sono mediatori biologici che regolano le funzioni essenziali della rigenerazione e della riparazione dei tessuti. Il trattamento consiste in un prelievo di sangue eseguito dal medico. Segue poi un trattamento estemporaneo del plasma per liberarne i fattori di crescita. Il prodotto così ottenuto viene immediatamente iniettato mediante infiltrazioni sottocutanee nelle zone da trattare (viso, collo, decolletè, mani...). In questo modo i fattori di crescita piastrinici stimolano la sintesi di nuovo e giovane collagene e la produzione di nuova matrice extracellulare di sostegno. Il risultato si apprezza in qualche settimana. Poiché si tratta di una biostimolazione particolarmente potente, normalmente è sufficiente una seduta ogni 4-6 mesi.

 

 

 


 

 


 

Mesoterapia Omeopatica per contrastare la cellulite

medicina estetica e trattamenti contro gli inestetismi della cellulite

Un trattamento estetico per eliminare la cellulite con naturalezza e grazie a una tecnica che ha saputo consolidarsi attraverso risultati importanti. Esistono svariati trattamenti che permettono di affrontare e ridurre il problema delal cellulite e risulta quindi indispensabile valutare il paziente per evitare l'uso di farmaci che possano in qualche modo provocare allergie o complicanze.

L'omeopatia ha risolto questo tipo di problema collegandosi alla mesoterapia e dando vita ad un trattamento estetico estremamente sicuro ed efficace. Nella mesoterapia omeopatica si vanno quindi ad utilizzare prodotti omeopatici che portano a ridurre la ritenzione idrica drenando letteralmente i tessuti dalle scorie e migliorando la circolazione.







Mesoterapia Omeopatica - trattamento estetico per il corpo

L'omeomesoterapia o mesoterapia omeopatica è una metodica che consiste nell'iniettare al paziente, sottocute o per via intradermica, piccole quantità di farmaci omeopatici in soluzione e offre inoltre due grandi vantaggi tra i quali l'azione terapeutica specifica dei farmaci iniettati e il modo di somministrazione con il suo stimolo agopunturale.

Il trattamento mesoterapico consiste nella iniezione intradermica distrettuale di un insieme sostanze omeopatiche in piccole dosi attraverso aghi sottili lunghi più o meno 4 mm e non occorre praticare anestesia in quanto la mesoterapia è indolore.

L'introduzione della sostanza nel derma, ricco di cellule deputate alla difesa immunitaria, garantisce inoltre una risposta che può essere aspecifica con l'attivazione di macrofagi e del cosiddetto complemento o specifica con la produzione di anticorpi o T linfociti.

Il farmaco introdotto è responsabile della reazione più spiccatamente chimica della sedazione del dolore. La via di somministrazione intradermica, oltre ad una maggiore permanenza in sede del prodotto iniettato, offre il vantaggio di evitare il filtro epatico che causerebbe sia una parziale inattivazione del farmaco che eventuali suoi effetti collaterali.
 

Vantaggi del trattamento

I vantaggi della mesoterapia omeopatica sono l'assenza di reazioni allergiche e di effetti collaterali e permette una precisa personalizzazione della terapia, consentendo di trattare contemporaneamente più patologie e altro fattore da non sottovalutare, può essere praticata anche in gravidanza

L' omeopatia ha saputo trasformare la mesoterapia in un trattamento estetico estremamente sicuro e soprattutto efficace: nella mesoterapia omeopatica infatti si utilizzano prodotti omeopatici che agiscono riducendo la ritenzione idrica, drenando i tessuti dalle scorie e migliorando la circolazione e non ci sono effetti collaterali indesiderati.

Il trattamento prevede di l' utilizzo di diversi aghi sottilissimi con i quali viene iniettato il farmaco omeopatico, si ottengono risultati soddisfacenti dopo 6-8 sedute di mesoterapia omeopatica. Il trattamento è praticamente indolore e richiede circa 15 minuti e comporta costi che partono da circa 60 euro per seduta.

Un modo naturale, senza effetti collaterali e senza il pericolo di allergie, per sconfiggere il nemico numero uno delle donne, la cellulite, è la mesoterapia omeopatica, un trattamento estetico per restituire alla pelle la giusta compattezza e che migliora la circolazione.

Per la cura di una problematica estetica come la cellulite, grazie a questa tecnica sono stati raggiunti dei risultati particolarmente importanti. Attraverso diversi trattamenti è possibile arrivare a ridurre notevolmente gli accumuli e le smagliature di cellulite e a tal fine è necessario valutare accuratamente il paziente per evitare l' utilizzo di farmaci che, per quanto assolutamente sicuri, possono provocare delle allergie o delle complicanze.

<Ossigenoterapia>


OSSIGENOTERAPIA

Le potenzialità dell’ossigeno sono note da tempo nel campo della chirurgia plastica, per il trattamento di bruciature e lesioni cutanee. L’ossigeno aumenta la circolazione sanguigna, migliorando il metabolismo cellulare e accelerando i processi di guarigione, riduce le irritazioni, ha effetto antinfiammatorio e antibatterico. Per poter sfruttare questi benefici anche nel campo del ringiovanimento cutaneo, esistono oggi sofisticate apparecchiature elettromedicali, che permettono di veicolare l’ossigeno puro, con eventuale aggiunta di principi attivi, nel tessuto epidermico, per contrastare il crono aging e la perdita di elasticità. La propulsione d’ossigeno rappresenta una validissima alternativa a metodologie più invasive per il ringiovanimento cutaneo.

 

L’ossigenoterapia “Fly System”

L’ingegneria biomedica risponde all’esigenza, oggi sempre più sentita, di creare soluzioni evolute e minimamente invasive,  sfruttando l’ elemento più naturale che esiste: l’ossigeno. “Fly system” è un’apparecchiatura riservata all’uso medico, che, attraverso speciali manipoli, permette di effettuare un trattamento completo del viso, che allevia i segni dell’età e stimola il metabolismo cellulare.

Fly System dispone di un erogatore che permette di veicolare in profondità topici e principi attivi attraverso l’ossigeno, che potranno essere scelti dal medico per potenziare gli effetti del trattamento a seconda delle esigenze del paziente o della paziente, ottenendo così effetti paragonabili alla mesoterapia.

L’ossigenoterapia praticata con questi innovativi macchinari combina le proprietà e i benefici dell’ossigeno con il messaggio meccanico. L’ossigeno ad elevato grado di purezza aumenta l’irrorazione sanguigna, migliora il metabolismo cellulare e stimola la produzione di collagene da parte dei fibroblasti, accelerando così i processi riparativi della pelle. La respirazione cellulare e la circolazione periferica sono ripristinate, la pelle riacquista l’elasticità e la luminosità perdute.

 

Finalità del trattamento

Il trattamento è in grado di ripristinare la microcircolazione e riattivare il metabolismo cutaneo, compromessi da invecchiamento, stress, inquinamento e foto esposizione. È dimostrato che la produzione di collagene da parte dei fibroblasti trae vantaggio dalla presenza di  un’adeguata quantità di ossigeno nei tessuti. I benefici del trattamento topico con ossigeno sono due: rivitalizzazione degli strati cutanei (aspetto della pelle più sano, tonico e luminoso), veicolazione di principi attivi nel derma profondo per mezzo del gas iperbarico (potenziamento dell’azione di sostanze anti-aging scelte dal medico).

Le sedute di ossigenoterapia sono consigliate per ottenere:

• sensibile riduzione delle macchie cutanee e delle rughe espressive del volto
• ottenere un apprezzabile “effetto lifting” per il miglioramento del trofismo cutaneo
• contrastare acne e rosacea

 

Controindicazioni e effetti collaterali

La terapia non provoca effetti collaterali e non ha controindicazioni.

 

Come si svolge la prima visita?

Durante la visita il chirurgo plastico esaminerà la pelle del vostro volto,  rughe, zone di iperpigmentazione o altre problematiche estetiche. Vi ascolterà in modo da capire le vostre aspettative e valutare se gli esiti dei trattamenti di ossigenoterapia potranno soddisfarle, consigliando eventualmente interventi alternativi o complementari a quello di vostro interesse. Vi darà tutte le informazioni relative al trattamento, come si svolgerà, la durata, gli effetti.

 

Preparazione alla seduta di ossigenoterapia

Non si richiede alcuna preparazione alla seduta di ossigenoterapia, il trattamento è indolore, e non richiede anestesia.

 

Come si svolge il trattamento?

Il medico utilizzerà sulle zone da trattare un manipolo, collegandovi, secondo le necessità, testine che svolgono funzioni aggiuntive,  e veicolerà ossigeno purissimo negli strati profondi dell’epidermide del vostro viso. Il trattamento potrà essere completato con un massaggio meccanico, eventualmente abbinato ad emissione di ossigeno, che rivitalizza le cellule responsabili della produzione di fibrina, elastina, collagene e glicosaminoglicani, regalando un viso riposato, rassodato, fresco e luminoso. Secondo le vostre esigenze, il medico potrà veicolare in profondità,  tramite un apposito erogatore, topici e principi attivi indicati per l’attenuazione delle problematiche estetiche della vostra pelle.

Il trattamento avrà la durata di 1 ora circa, e sarà assolutamente indolore. Al termine potrete immediatamente riprendere le normali attività; il medico indicherà alcune norme da osservare nelle prime ore successive alla seduta.

 

Dopo la seduta ci saranno segni visibili sul viso?

La seduta di ossigenoterapia non lascia segni visibili sul viso.

 

Quando riprendere le normali attività?

Le normali attività possono essere riprese immediatamente.

 

Che risultato si ottiene con i trattamenti di ossigenoterapia?

Il miglioramento sarà visibile fin dalla prima seduta, il risultato sarà un viso meno stanco, rassodato, fresco e luminoso. Secondo il  grado di invecchiamento cutaneo e le altre eventuali problematiche estetiche, il medico creerà per voi un protocollo personalizzato, che potrà includere o meno l’uso di farmaci assieme all’ossigeno iperbarico,  che daranno al trattamento un’efficacia del tutto paragonabile alla mesoterapia.

È essenziale una valutazione medica per stabilire la durata ed il numero delle sedute, i tempi, gli eventuali farmaci da veicolare,   le eventuali associazioni con altri trattamenti, che renderanno i risultati finali strettamente personalizzati. Solitamente i vantaggi sono visibili e duraturi, dopo alcune sedute di trattamento si noterà un miglioramento di  turgore, elasticità e texture cutanea, oltre che una maggiore luminosità, tono e spessore della cute nella zona trattata. In seguito si noterà una diminuzione delle rughe dinamiche e statiche, un restringimento dei pori cutanei ed un’ involuzione dei processi acneici attivi e degli esiti cicatriziali post acneici.

È sempre opportuno ricordare che l’invecchiamento cutaneo è un processo naturale, che non può essere fermato; questo significa che, per mantenere i risultati stabili nel tempo, oltre che effettuare sedute di mantenimento, sarà indispensabile abbinare uno stile di vita sano ed un’alimentazione corretta.


Immagini di casi clinici trattati con IMPIANTI dal Dott. Mario Giugno

RIABILITAZIONE ARCATA DENTARIA INFERIORE DX CON 3 IMPIANTI

RIABILITAZIONE ARCATA DENTARIA SUPERIORE CON IMPIANTI

Un caso clinico di riabilitazione dell'arcata superiore sx con IMPIANTI



CASO DI MONOEDENTULIA TRATTATO CON IMPIANTO

Implant treatments performed by Dr. Mario Giugno

Implant treatments performed by Dr. Mario Giugno
posizionamento di tre Impianti in arcata inferiore..
003.TIF
..inserimento di due impianti in arcata superiore...
004.TIF

...un impianto in arcata inferiore...si noti il piccolo gap tra la cresta ossea e l'impianto.....





.....questo gap è stato riempito con materiale osseo di derivazione equina deantigenato, supportato da acido polilattico-poliglicolico..
si noti nella rx successiva la scomparsa del gap...

006.TIF
104-0402_IMG.JPG
..OPT (radiografia panoramica dentale) che illustra un caso di grossa riabilitazione delle due arcate dentarie con impianti di tipo e forma differenti...
107-0702_IMG.JPG
..un altro caso di riabilitazione delle due arcate dentarie, eseguito dal Dott. Mario Giugno


...nell'arcata superiore sx è stato eseguito un rialzo del seno mascellare.


Inimmaginabile è stata la soddisfazione del paziente che è passato da una riabilitazione con protesi mobile ad una fissa!
107-0703_IMG particolare.jpg
...especially of the left maxillary area where you ran the sinus lift and the insertion of the two dental implants
P4280394.JPG
P4280396.JPG
..posizionamento di 4 impianti in arcata superiore a sostegno di una protesi mobile ancorata su attacchi Sferodal...
... 4 dental implants in the upper arch to support a denture anchored on Sferodal attacks ...
P4280399.JPG
POSIZIONAMENTO DI 3 IMPIANTI IN EMIARCATA SUPERIORE SX CON EVIDENZA DI RIGENERAZIONE OSSEA MEDIANTE OSSO ETEROLOGO PARTICOLATO

intervento eseguito dal  Dott. MARIO GIUGNO

THREE DENTAL IMPLANTS PLACED IN MAXILLARY UPPER LEFT WITH EVIDENCE OF BONE REGENERATION BY heterologous bone PARTICULATE
operation performed by Dr. MARIO GIUGNO
P4280403.JPG
P4280405.JPG
impianto inserito con rialzo del seno mascellare...
P4280407.JPG
..posizionamento di 3 impianti in arcata superiore  con rialzo del seno mascellare...

intervento eseguito dal Dott. Mario Giugno
impianti.jpg

Massaggi Shiatsu

Massaggi Shiatsu

Massaggio Shiatsu

Lo shiatsu è la tecnica di trattamento mediante pressioni e stiramento dei punti e dei meridiani dell’agopuntura cinese. Shiatsu significa letteralmente “premere con le dita”.

Lo shiatsu affonda le sue origini nelle tradizioni di filosofia ed arte di guarigione antichissimedella medicina orientale, per le quali tutte le malattie, sintomi e condizioni di malessere sono provocate da uno sbilanciamento dell'equilibrio dell’Energia Vitale che circola nell’organismo attraverso i meridiani.

Lo Shiatsu, dunque, è un metodo per preservare e riacquistare la salute riequilibrando i sistemi di comunicazione energetica del corpo. Questo vale per tutti gli aspetti della persona, legati al corpo, alle emozioni, alla mente ed alla spiritualita'.

IL TRATTAMENTO SHIATSU

L'operatore pratica pressioni con le dita, i palmi e i gomiti, assai profonde, dolci e graduali. Le pressioni entrano in profondità producono uno stimolo a cui l'organismo della persona trattata "risponde", recuperando e manifestando "dal profondo" le proprie risorse vitali.

I diversi tipi di pressione lungo i meridiani e su diverse aree hanno lo scopo di preservare e riequilibrare il flusso di energia attraverso organi, ghiandole, muscoli, articolazioni, sangue ed in tutto il corpo. Vengono utilizzate anche tecniche di stiramento ed aggiustamenti strutturali per ottenere l'armonizzazione dell'intero sistema energetico.I benefici dello Shiatsu sul piano sintomatico e della prevenzione sono frutto non di un' attività mirata alla cura delle patologie, ma di un naturale processo di "autoguarigione" connesso al generale miglioramento della vitalità. Lo Shiatsu genera una miglior qualità della vita in qualsiasi l'età, condizione e stato di benessere o disagio dei soggetti coinvolti.

Lo Shiatsu si presenta oggi come una tecnica ricca e sofisticata, dotata di grande efficacia terapeutica, che amplia continuamente le possibilità di impiego. È stato introdotto con grande successo nelle cliniche di riabilitazione motoria, negli istituti geriatrici, nei centri di cura per tutti gli ambiti di disagio fisico e psichico; ma anche nelle palestre, nelle scuole di yoga o altre discipline corporee.

Lo Shiatsu può essere praticato per alleviare in modo mirato i disturbi :

  • dell’apparato muscolo-scheletrico - lombalgia, cervicalgia, ernia, periartrite, affezioni dell’anca, lesioni meniscali;         
  • delle sindromi viscerali - gastrite, colite; delle sindromi mestruali 
  • delle cefalee di varia origine;  
  • degli stati di stress e astenia

 

Nuovi studi su malocclusione e dolore al collo (cervicalgia) - La "ORTODONZIA POSTURALE"

 Gnatologia clinica - News generale del 24/04/2011 - 3457 visite

L'argomento dolore al collo è ancora da approfondire, probabilmente in futuro sarà possibile affermare qualcosa con maggiore sicurezza. Oramai 15 anni fa nello studio http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/8839465 pubblicato in una prestigiosa rivista ortopedica si correlavano i dolori del collo (cervicalgia) con dolori orofacciali, disturbi del trigemino e malocclusione dentale. I punti salienti dello studio sono:

• I pazienti con disordini temporomandibolari mostrano spesso i segni e sintomi legati ai disturbi della colonna cervicale;

• Pazienti con disturbi del rachide cervicale possono mostrare segni e sintomi relativi a disordini temporomandibolari.

• Molti autori hanno sottolineato l'esistenza di correlazioni neuroanatomiche e biomeccaniche.


Per vedere quanti studi su riviste odontoiatriche riprendono l’argomento, basta cercare su un qualsiasi motore di ricerca “Temporomandibular Disease and cervical spine disorders”. Nonostante il problema sia stato sollevato da lungo tempo, mancano tuttavia dati definitivi su quest’approccio terapeutico, anche se secondo quanto descritto dalla letteratura un consiglio si può dare. I soggetti con dolore cervicale devono recarsi da uno specialista ortopedico, per farsi prescrivere un’eventuale terapia fisica o di altro tipo. Nello stesso tempo è necessario fare una valutazione della correttezza della masticazione dentale presso uno specialista gnatologo, confezionando eventualmente un bite dentale.

Per altri dolori a distanza come la lombalgia (mal di schiena) la gonalgia (dolore al ginocchio), la pubalgia, ecc. la correlazione con la malocclusione è argomento di discussione scientifica. L’opinione personale è che non tutte le lombalgie (o gli altri dolori suddetti) siano imputabili alla malocclusione, ma che la malocclusione non sia da escludere a priori. D’altra parte se è molto sospettata una correlazione tra malocclusione dentale e dolore al collo (cervicalgia), è difficile pensare che questo dolore rimanga limitato alla zona cervicale, senza estendersi ad es. in zona lombare. Nella mia esperienza personale i casi di risoluzione di dolore a distanza con bite sono stati parecchi.